Come si calcola l’IMU?

In primo luogo va individuata la base imponibile che è data dalla rendita catastale dell’immobile rivalutata del 5%. Il valore ottenuto deve essere moltiplicato per dei coefficienti previsti per legge che variano in base alla categoria catastale. Al valore ottenuto si devono moltiplicare dei coefficienti previsti per legge che variano in base alla categoria catastale. Infine, alla base imponibile ottenuta si applicano le aliquote deliberate dal Comune entro la data fissata da norme statali.

L’imposta è dovuta per l’anno in corso e viene calcolata in proporzione alla percentuale di possesso e ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso.