A decorrere da quest’anno sono previste diverse novità e cambiamenti:

I PREMI DI RISULTATO AZIENDALI: in base a quanto stabilito dalla legge di stabilità 2016, i dipendenti del settore privato che percepiscono un premio di risultato d’importo non superiore a 2mila euro, che diventano 2500 in caso in cui l’azienda coinvolga pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro, potranno godere di una tassazione agevolata. Sui premi di risultato si applicherà una imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali del 10%. Se tali premi si traducono in benefit o rimborsi spese, non si applicherà alcuna imposta.

BONUS MOBILI GIOVANI COPPIE: Bonus destinato alle giovani coppie in cui uno dei due componenti abbia un’età pari o inferiore a 35 anni: potranno usufruire di una detrazione IRPEF del 50% dei costi sostenuti per l’acquisto di arredi per la prima casa, purchè quest’ultima sia stata comprata nel 2015 o nel 2016. La spesa massima detraibile è di 16.000 euro.

AGEVOLAZIONI SULL’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO: i contribuenti che nel 2016 hanno acquistato una abitazione di classe energetica A o B, potranno usufruire di una detrazione pari al 50% dell’IVA pagata lo scorso anno.
In caso di acquisto, istallazione, di dispositivi multimediali per il controllo remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione di acqua calda e/o climatizzazione si avrà diritto ad una detrazione del 65% delle spese sostenute nel 2016.
ASSICURAZIONI: a decorrere dal periodo di imposta 2016, le assicurazioni con oggetto il rischio morte finalizzate alla tutela di persone affette da gravi disabilità, potranno usufruire di una detrazione del 19%, fino ad un importo massimo di 750 euro.

SPESE SCOLASTICHE: si aumenta a € 564 per il 2016 (€717 per il 2017 – €786 per il 2018 – € 800 dal 2019) l’importo massimo per studente, per il quale è possibile usufruire della detrazione IRPEF del 19%, relativamente alle spese sostenute per la frequenza delle scuole paritarie dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, nonché delle scuole secondarie di secondo grado.

SCHOOL BONUS: per le erogazioni liberali effettuate nel 2016 a favore di istituti nazionali, è previsto un credito di imposta pari al 65% delle erogazioni effettuate, che sarà ripartito in tre quote annuali di pari importo.

DONAZIONI: prevista una deduzione pari al 20% su erogazioni liberali, donazioni e altri atti a titolo gratuito, complessivamente non superiori a 100.000 euro, a favore di fondi speciali che operano nel settore della beneficenza.

Fonte CSC CGIL Modena

Condividi su:
1137 View